top of page

Su Maschile e Femminile: Verso l'Integrazione

Aggiornamento: 11 dic 2023

(Video in fondo) Esplorare le complessità dell'esperienza femminile rappresenta una sfida per le donne che la vivono quotidianamente, e spesso anche per coloro che le circondano.

Le controversie tra chi sostiene l'uguaglianza di genere e chi sottolinea le differenze tra uomini e donne sono numerose: a volte le differenze sono considerate preziose, ma spesso vengono enfatizzate in modo discriminatorio o denigratorio. Dalle barzellette agli episodi di violenza contro le donne, dagli slogan contro il patriarcato alle reazioni in nome di un femminismo distorto, sembra che la nostra società sia ancora lontana da un approccio costruttivo a queste tematiche.


Nel contesto di diverse tradizioni spirituali emerge una distinzione tra energia Femminile e Maschile, considerate complementari e uniche. L'energia Femminile è descritta come ricettiva, compassionevole, pacata, orientata al nutrimento, all'ascolto e alla cura, ciclica e intuitiva; l'energia Maschile è considerata attiva, volitiva, impetuosa, orientata all'azione, alla conquista e al raggiungimento di obiettivi, lineare e logica. Questi attributi non sottolineano o suggeriscono alcuna superiorità, ma enfatizzano la complementarietà delle caratteristiche.


Anche nell'ambito dell'Astrologia i Segni Zodiacali e gli Elementi della Natura sono classificati come Maschili e Femminili. In ogni caso, ciò non implica che le donne debbano incarnare solo le caratteristiche femminili e gli uomini solo quelle maschili. L'aspirazione alla realizzazione spirituale richiede l'integrazione di entrambi gli aspetti in ciascun individuo, a prescindere dall’orientamento sessuale, dal genere (sesso) di appartenenza e dal genere con cui ci si identifica.

Sarebbe fondamentale rispettare l’uguaglianza dei diritti tra uomini e donne onorando nello stesso tempo le differenze sostanziali che caratterizzano uomini e donne a livello strutturale, anatomico, biologico e fisiologico.

Il ciclo ormonale femminile, con le sue fasi e fluttuazioni che sembrano il riflesso delle fasi Lunari e delle Stagioni, rappresenta un esempio tangibile delle differenze biologiche.

Infatti, l’essenza ciclica dell'energia della donna, caratterizzata da specifiche fluttuazioni ormonali, si distingue nettamente dalla natura più lineare e uniforme dell'energia dell’uomo.

Per riconoscere e integrare gli aspetti del Maschile e del Femminile, dobbiamo innanzitutto riconoscere la differenza tra la complessa danza tra estrogeni e progesterone nel ciclo mensile di una donna, e le fluttuazioni giornaliere del testosterone negli uomini. Mentre il ciclo del testosterone per l’uomo é circadiano, ovvero simile a quello Solare nell’arco di una giornata (il suo livello negli uomini sale nelle primissime ore del mattino, poi cala), nella donna il gioco tra estrogeni e progesterone riflette la complessità delle fasi Lunari nel corso del mese.


Comprendere, rispettare e onorare questi cicli e queste differenze è cruciale per aspirare non solo alla completa realizzazione spirituale dell’individuo, ma anche per vivere in armonia con i propri simili e con la Natura.


I progressi della nostra civiltà negli ultimi secoli (vertiginosi negli ultimi decenni) sono stati notevoli: grazie alla tecnologia e alle innovazioni, hanno accelerato notevolmente la comunicazione, i viaggi, i ritmi di produzione e di vita, e molto altro. Allo stesso tempo questo approccio, molto “maschile” in quanto “tutto azione”, ovvero orientato al raggiungimento di obiettivi senza troppa cura per le conseguenze, ha portato a uno sfruttamento insostenibile della Natura.

Oltretutto il nostro corpo non è progettato per sostenere i ritmi di vita creati da noi stessi e imposti dal nostro stesso stile di vita. Se l'incapacità di rispettare i ritmi naturali provoca sintomi fisici ed emotivi negli esseri umani, l'incapacità di armonizzare le nostre esigenze con le risorse naturali si traduce in sintomi ambientali: da un lato osserviamo la donna “snaturarsi” per adattarsi a ritmi “maschili” e dall’altro vediamo i cambiamenti climatici e le catastrofi ambientali proliferare.


Ma reagire a tutto questo con slogan del tipo “abbattiamo il patriarcato" è un paradosso, poiché l'azione violenta e diretta rappresenta ancora una volta l'estremizzazione dell'energia cosiddetta “maschile”, quella stessa energia che perpetuiamo nutrendo uno stile di vita incentrato sull'azione che dà ben poco spazio all’ascolto.


La psicofisiologia ci insegna che eliminare abitudini disfunzionali richiede la costruzione di alternative funzionali, che deve avvenire prima di poter effettuare il cambiamento. La transizione verso un modello in cui il Maschile e il Femminile siano in equilibrio, così come lo siano anche umanità e Natura, deve innanzitutto avvenire internamente, educando ciascun individuo alla consapevolezza e al rispetto dei ritmi naturali.

La comprensione del ciclo mestruale, riflesso delle fasi Lunari e delle Stagioni, offre alle donne un’incredibile opportunità di crescita, come anche agli uomini. Comprendere e onorare questi cicli consente alle donne di navigare la vita abbracciando la propria natura, e a tutti gli esseri umani di vivere in armonia nel rispetto reciproco e della Natura di cui siamo parte.


Ogni fase della vita di una donna, compresa la menopausa, ha doni preziosi da svelare e ai quali ogni donna dovrebbe imparare ad attingere.

Le donne non dovrebbero percepire la necessità di eliminare le caratteristiche della propria femminilità, fluttuazioni ormonali incluse, e competere con gli uomini pur di avere successo (o anche solo “pari opportunità”), in quanto ancora una volta la competitività é un aspetto esasperato del maschile. Creare un modello di società equilibrato non implica appiattire ed eliminare le differenze: implica la comprensione e il rispetto di queste differenze per poterle utilizzare in modo funzionale e costruttivo.

La transizione verso un modello di società più funzionale può solo iniziare dalla coscienza e consapevolezza del singolo individuo, per la costruzione di alternative funzionali al modello esistente - alternative che consentano di smantellare pacificamente le odierne strutture disfunzionali.


L'integrazione di Maschile e Femminile è un percorso di autoesplorazione, crescita personale e trasformazione sociale. Comprendere e integrare questi aspetti della Natura porta a una connessione più profonda con la propria essenza e con il mondo circostante, contribuendo al benessere individuale e collettivo per garantire al mondo non solo una costante evoluzione, ma soprattutto, ora come ora, la sopravvivenza.


Qui sotto trovate la resistrazione di un mio webinar (la versione in italiano é sotto quella in inglese), "Il Corpo Sacro", dedicato alla presentazione del mio omonimo libro (che potete trovare QUI). Vi invito a guardarlo per fare esperienza pratica di quello di cui ho scritto nell'articolo. Buona visione!

Versione inglese:

Versione italiana:

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page